Direttore Artistico



Maria Elisa Muglia è scrittore e ghost writer. Ha frequentato la scuola di teatro Teates di Michele Perriera e firma le sue regie con il nome d'arte di Elisa Farina

E' stata direttore artistico in teatri pibblici e privati



Chi siamo


Con l'intento di promuovere non solo il teatro ma anche le attività culturali con caratteristiche di multidisciplinarietà, organizziamo, promuoviamo e distribuiamo non solo spettacoli teatrali ma anche concerti, mostre ed eventi culturali. Siamo attivi nella formazione sia artistica che professionale, per figure legate all’organizzazione di eventi, e ai lavori dell’editoria. con corsi, stage e laboratori e nelle attività culturali sociali verso bambini e ragazzi in età scolare e anziani.

Organizziamo Concorsi Nazionali in ambito letterario, teatrale e audiovisivo



Presidente



Margherita Farina, palermitana d'origine, ha vissuto e lavorato a Roma per oltre un ventennio occupandosi di  organizzazione di eventi dal punto di vista amministrativo e logistico. Tornata nella sua Sicilia riparte con nuovo entusiasmo per la realizzazione di progetti stimolanti e sempre innovativi





Il nostro Teatro

I nostri spettacoli possono andare in scena in qualsiasi luogo e in qualsiasi momento, o per una durata di tempo qualsiasi. Possono essere qualsiasi situazione che coinvolge quattro elementi base: tempo, spazio, il corpo dell'artista e la relazione tra artista e pubblico; fondamentale è la corrente emotiva che si crea tra artisti in scena e pubblico. Un'unica grande onda emozionale che lega tra loro i due elementi dello spettacolo e che dal palcoscenico alla platea e viceversa stimola e crea nuove emozioni diverse ogni volta in base al momento, al pubblico presente e allo stesso stato d'animo dell'artista. Non è improvvisazione, ma un lavoro continuo sull'interiorità e sulle proprie emozioni che permette a chi sta in scena di coinvolgere chi siede in sala accompagnandolo nel proprio mondo emotivo e scambiando le proprie sensazioni più forti per riceverne in cambio stimoli di creatività. Tutto questo all'interno di un canovaccio che in sede di preparazione dello spettacolo prevede un training intenso che lega le esperienze di attori e regista/autore e che viene raccontato al pubblico attraverso le luci, la musica e tutto ciò che concorre a fare dello spettacolo un'esperienza unica ed irripetibile sempre nuova a se stessa

Ogni fantasma, ogni creatura d'arte, per essere, deve avere il suo dramma, cioè un dramma di cui esso sia personaggio e per cui è personaggio. Il dramma è la ragion d'essere del personaggio; è la sua funzione vitale: necessaria per esistere.

LUIGI PIRANDELLO

PERFORMANCE TEXT  -  IL NOSTRO STILE


La definizione di performance-text, o 'testo dello spettacolo', è stata coniata da Richard Schechner, insegnante di arte drammatica all'Accademia di New York ed esponente dell'avanguardia teatrale americana: con questo termine viene indicato l'evento della rappresentazione teatrale, che coinvolge attori e pubblico e comprende le azioni rappresentate, le reazioni degli spettatori e ogni sorta di interazione tra palcoscenico e platea. Tale linguaggio di comunicazione teatrale viene sviluppato dal WOOSTER GROUP di New York grazie anche all'apporto sostanzioso di numerose Fondazioni Internazionali che rendono possibile questo continuo lavoro di ricerca espressiva.


Diversamente dal testo drammatico scritto, che può essere letto e divulgato indipendentemente dallo spettacolo, la performance non si può trasmettere né riprodurre. È un evento unico, che si verifica una volta sola: nemmeno una registrazione visiva e sonora lo restituisce fedelmente. La registrazione, infatti, non può cogliere la simultaneità delle azioni che accadono nel corso dello spettacolo e comunque il punto di vista della macchina è unico, e dunque può corrispondere tutt'al più a quello di un solo spettatore. Performance text, invece, è tutto quello che succede durante lo spettacolo, compreso lo sguardo e le emozioni simultanee di tutti gli spettatori.


Il concetto di performance rende immediatamente evidente la differenza fra il modo tradizionale di intendere il teatro e il nuovo corso della sperimentazione teatrale inaugurato negli anni Sessanta. La stessa nozione di drammaturgia ne risulta modificata: essa non include più soltanto le azioni previste dal testo scritto, ma tutti gli eventi del momento teatrale: quindi, oltre alla recitazione degli attori, il gioco delle luci, le musiche, la presenza degli spettatori. Sono infatti tutti questi elementi simultanei, concertati nel montaggio, a creare lo spettacolo, ovvero la performance.


Nel 2012 all'interno di Movimento Forza 9 nasce Liberartisti CTM (compagnia teatrale multidisciplinare) dedicata alla sperimentazione teatrale e pensata come palestra per nuovi talenti della scrittura teatrale e della regia. Subito dopo Liberartisti diventa associazione culturale indipendente pur continuando una stretta collaborazione con l'associazione madre. 

CURRICULUM ASSOCIAZIONE